Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Marcel.lì – L’uomo, la macchina, Pirandello

Due attori e le loro apparecchiature elettroniche si muovono sul palco, di fronte ad un grande schermo… iniziano a girare tra il pubblico con una camera e riprendono volti che poi appaiono sullo schermo, costruiscono l’ “Arsenale delle apparizioni” che sta al centro della particolare lettura che Marcel.lì Antùnez Roca, storico fondatore de La Fura dels Baus, fa de I giganti della montagna di Luigi Pirandello. Lo spettacolo si chiama Cotrone, dal nome del mago che, così come il regista si aggira tra racconti e mondi fantastici, legge e interpreta il reale, contamina la narrazioni con suggestioni grottesche e surreali.
Il mondo carnale di Marcel.lì prende forma sullo schermo con una serie di animazioni davvero belle, mentre la particolare predisposizione alla tecnologia si mostra in scena con i Dreskeleton, interfacce di natura esoscheletrica indossati dagli attori, che danno vita alle animazioni, costruiscono percorsi visivi e sonori e trasformano la performance in una performance del corpo ibrido.
Uno spettacolo composito questo di Marcel.lì che chiude la rassegna Prospettiva 2 a Torino… uno spettacolo composito e multiforme, forte, a tratti anche feroce, tecnologicamente avvincente anche per l’uso di tappeti sensibili e dispositivi hardware e applicazioni software che vanno a comporre quella che Marcel.lì chiama “Sistematurgia”… una produzione italo/spagnola realizzata da Officine sintetiche di Torino.
Un lavoro che chiama in causa il rapporto tra corpo e macchina, tra ideazione drammaturgica e tecnologie, tra spettacolo mediale e performance, che intreccia gi ambiti, li ibrida… le animazioni sullo schermo prendono vita attraverso i movimenti del corpo degli attori… un lavoro suggestivo sul senso di performance e di corpo e soprattutto un’opera originale, una lettura di Pirandello personale da parte del regista catalano che da vita ad un suo paesaggio emozionale e una sua poetica unica e distinta, in costante rinnovamento.
Di seguito un’intervista molto interessante a Marcel.lì…